A volte vorrei non aver bisogno di lavorare.
La mattina andrei in giro a fare foto, in palestra con le casalinghe, a fare la spesa.
Vorrei tornare in una casa più grande, nonostante adori la nostra “casetta”.
Vorrei potermi alzare la mattina e dire “oggi prenoto un viaggio, la partenza è domani!”
Vorrei sconfiggere le ansie e le paure che mi tengono bloccata qui e non mi fanno essere quella che sono sempre stata, quella che ho sempre voluto essere.
Vorrei cambiare delle cose di me, che non mi piacciono e non capisco da dove sono uscite fuori.
Vorrei dormire di più.

Annunci

4 thoughts on “

  1. Quanto siamo Jem, Jem!
    Sottoscrivo in pieno.
    Poi, però, quando è sera, osservo il tempo scorrere e le ore di sonno assottigliarsi.
    Poi, però, quando mi sento bloccata qui, i piedi si fanno pesanti e le mani tremano.
    Poi, però, una ricetta esiste. Ed è quella di scartabellare nel passato, accogliere il presente. Così, forse, si costruisce il futuro. O lo si trova improvvisamente tra le dita, chissà, senza quasi rendersene conto.

    P.S. Sembra tu abbia bisogno di una guida. E di un grimaldello. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...