Visto che non so cosa scrivere,riposto una cosa scritta tre anni fa,quando l’ispirazione mi coglieva ancora.

Ho indossato i soliti jeans, una canottiera colorata, le mie converse e sono uscita.

Senza meta, ho camminato per i vicoli stretti non desiderando altro che perdermi.

Odori, colori, suoni, sorrisi: la mia mente registra tutto, dentro “l’archivio delle meraviglie”.

Un negozio di fiori coloratissimo e la proprietaria che prepara delle composizioni.

Un gatto si struscia sulle sue gambe, lei si volta e mi guarda.

Studia attenta i miei occhi, come a volermi leggere dentro e mi regala un tulipano giallo.

Io la ringrazio col più grande dei sorrisi e infilo il fiore in borsa, in modo che si veda.

Riprendo a camminare e osservo tutto come se lo vedessi per la prima volta, occhi grandi e spalancati sul mondo.

Mi siedo su una panchina ed alzo gli occhi al cielo, vorrei essere Amélie e fotografare le nuvole: quella ha palesemente la forma di un cappello. Un cappello di panna montata.

Mentre osservo dei bambini che giocano mi fermo a pensare: inutile avere la convinzione di non potersi mai più innamorare se non si ha il coraggio di provare.

Io questo coraggio ce l’ho e so che succederà.

Non so se ne ho bisogno, a volte non desidero altro che essere importante per qualcuno, altre volte sento che sto bene, che mi basto.

E forse è proprio così che deve essere. L’equilibrio.

Un rumore richiama la mia attenzione, non capisco bene cosa sia, mi alzo e comincio a camminare dietro al suono, alla ricerca della sua origine.

Arrivo in una piazza piccolissima, al primo piano di un palazzo col portone grande e di legno, la finestra è aperta.

E qualcuno sta suonando la chitarra.

Mi fermo ad ascoltare: note che le mie orecchie hanno già sentito e note sconosciute.

Ad un tratto la musica finisce e ricomincio a sentire i suoni del mondo.
Riprendo a camminare e penso che alla fine va bene così: conoscere nuove persone, buttarsi in situazioni nuove, vivere la gioia di queste piccole cose.

Il resto arriverà.

Suona il telefono, un messaggio.

“La bellezza inconsapevole è una cosa bellissima. Dovresti sentirti carina un pò più spesso, senza farlo troppo vedere ma sapendolo.”

Con questo nuovo pensiero in testa continuo a camminare senza guardare troppo la strada e mi ritrovo nella stessa piazza.

La musica è ricominciata, la finestra sempre aperta.

Fisso il soffitto della stanza, fisso il portone.

Suono?

Annunci

2 thoughts on “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...