kiss the rain

Piove.
Il rumore della pioggia mi accompagna in questa mattinata.
Ed un’immagine si è formata nella mia testa.
Un’immagine che non esiste, una mia fantasia.
Una casa sotto degli alberi.
Sulla riva di un lago.
E’ una casa piccola e bassa.
Una finestra grande, di quelle di legno un pò vecchie, con la vernice scrostata.
Con vista sul lago.
Un letto alto e grande proprio di fronte alla finestra.
Fuori piove, è tutto grigio e sfocato.
Le gocce di pioggia colpiscono i vetri che si appannano un pò per il calore che c’è all’interno.
Una coperta di lana.
Una tazza di tè fumante.
Fisso fuori dalla finestra.
Il confine tra l’acqua del lago e il cielo non è ben definito.
Mi giro.
Ed è qui che la mia fantasia si blocca.
Non riesco a vedere se c’è qualcuno accanto a me.

Annunci

28 thoughts on “kiss the rain

  1. E un po’ di musica, no?
    Yann Tiersen “L’absente”, suggerisco.
    Qui a Parigi pioviggina; i tetti in di Montmartre fanno a gara a chi é più grigio con l’esercito di nuvole e le penne scompostamente ordinate dei mille piccioni.
    Mi vo a mangiare una mela avvelenata e fo un inchino.
    Salut!

  2. …hai dipinto un luogo e vorrei poterci entrare adesso in quel dipinto, adesso che una pioggia scrociante picchia sul tetto e sui vetri come a chiamarmi….
    un sorriso
    Gautier

  3. Ma dai! non me ne ero accorta!
    Non a caso ho parlato di prestito…
    vabbè tranquilla non è niente!
    poi solitamente si risponde sul proprio blog(se ti faccio una domanda magari vuol dire che mi interessa e torno a leggere la risposta!).
    ciao!

  4. mi piace l’immagine che descrivi… mi da un senso di sicurezza, di calore… di pace…
    (guarda meglio, che qualcuno ci dev’esse!)

  5. c’è.

    però è di legno e dice un sacco di bugie (ma solo col linguaggio del corpo) così gli si allunga il naso e tu sei contenta soprattutto perchè geppetto prima di fargli la bocca si è preso una pausa-meretrice e non è tornato più.

    hai la rivoluzione in te: serve un imodium? 🙂

  6. (bel sogno) Ti dirò, secondo me sì. Ma vabbè, non so quanti (una persona basta? Più di qualcuno? :P)
    Ah, il the al latte, ovviamente 🙂

  7. è che tu gli hai chiesto delle fragole, capisci, e non è che sia proprio stagione, ma è comunque andato a cercartele (almeno così ha detto 2 anni prima), ma oramai è questione di attimi, questione che tu abbia il coraggio di vederlo;-)

    ndr

    p.s. La casa sul lago del tempo è un film dell’anno scorso, La ragazza del lago, è di quest’anno, quale scegli???? 😉

  8. Eh si, Ylenia, oltraggio!!!come ti farai perdonare???eh?;p
    meglio tardi che mai..e poi come facevi a sapere???
    Grazie Grazie tante ^__^
    ps bei post complimenti…cmq mi sembra di intravedere qualcuno…^__^
    Baci
    Tramonto rosso

  9. ok yle, è arrivato il momento. al mio esame mancano 5 giorni, spiegami come si studia storia..voi storici come fate??? (i favori sessuali no eh :P:P)

    skerzi a parte, come va? tutto bene?

  10. Che bell’immagine…da sogno! C’è sempre qualcuno accanto a noi, anche quando non lo vediamo…poi che non sia sempre quello che vorremmo è un’altra storia…
    ciao ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...