Ho qualche domanda:

– Chi mi spiega Mulholland Drive?

– Chi vuole venire con me a studiare in biblioteca dal 2 in poi?

– Ho voglia di andare a Bologna, chi viene con me?

– Perchè le persone che mi piacciono sono sempre lontane?

– Chi mi accompagna a vedere The Prestige?

– Perchè devo scrivere dei post così stronzi e inutili?

Annunci

35 thoughts on “

  1. Per il punto uno non so manco di che parli.
    Per la Biblioteca emmm…emmmm…emmmm…
    In quanto a Bologna ci si può benissimo organizzare, sono sempre disposta a fare viaggi!
    In riferimento alle persone che ti piacciono stendo un velo pietoso…meglio!
    Che The Prestige?
    Perchè non c’hai un kezz da fa’!
    😛

  2. perfetto…manco io ho da fare niente tranne che pulire i danni che la mia gatta ha combinato!
    Ti faccio sapere nel pomeriggio per stasera, bacio

  3. non ho visto né mulholland drive né the prestige, quindi non posso aiutarti in questo..
    per la biblioteca, ok, solo che io andrò qui a milano.. se vuoi possiamo studiare negli stessi momenti…
    bologna.. non sono mai stato a bologna…
    lontananza… già…
    infine, l’inutilità dei post, non sono d’accordo.
    buona giornata 🙂

  4. Ciao pagliaccetto!
    Io rispondo solo alla seconda, mi devo distinguere da Kaya, perchè abbiamo i capelli uguali:)
    Mulholland drive nn l’ho capito neanche io, dovrei rivederlo, cmq n’amica molto colta, ma detto che è u film “molto maschile”(?), io annuivo per non fare brutte figure.
    Per rispondere al resto delle domande devo farmi prima un riposino…
    Bacio!

  5. Provo a rispondere alla prima:

    Ho visto il film almeno una decina di volte, non tanto per capire, quanto per rituffarmi in un’opera complessa, stratificata che parla ai sensi più che alla ragione.

    Un incidente d’auto, la donna che esce dalle lamiere e si allontana claudicante dalla scena dello scontro automobilistico non conserva memoria del suo passato.

    Epifania comune anche al film “crash” di Cronenberg, tratta dal romanzo omonimo di Ballard.

    La sceneggiatura per Lynch non è importante. Non usa trame complicate o storie avvincenti per sedurre lo spettatore. Lucidamente iconoclasta, determinato a fare a meno del lógos, sottrae e disvela il balocco-cinema sostituendo tutte le pippe intellettuali sull’argomento con l’amour fou et solitaire di un’amante tradita. Sesso e lacrime, storia di fantasmi e di illusioni che si spezzano. Questo film è un saggio (feroce) sull’industria di Hollywood, discorso amoroso frammentato in una cornice noir, mistero di una scatola blu nelle mani di un barbone custode di rottami nel retro di un fast-food.
    Tutto è finto. Ricordi la scena della cantante ispanica che crolla esanime sul palcoscenico sopraffatta dall’emozione, dalle troppe repliche o semplicemente dagli stravizi, la sua voce continua a cantare. Tutto finto: incarnando il Welles di F For Fake, il presentatore non si era fatto scrupolo di metterci all’erta sul playback. Via il corpo, resta la voce. Sopravvive il canto di un cuore solo in contemplazione del proprio cadavere disteso su un letto.
    Secondo un noto critico quello di Lynch è “cinema-voyeur in elegante abito da sera al funerale del cinema assassinato dal business” (impotente, il Giovane Regista di Successo, dovrà rassegnarsi a girare il suo musical con una protagonista imposta dall’alto).
    “Conserva il potere delle opere senza tempo, vive di una forza insperata e ci ricorda che questo è quanto dovremmo chiedere ancora ai cineasti ogni volta che scegliamo di chiuderci in una sala buia insieme ad altri sconosciuti. Un abbandono: lasciarsi andare alle apparizioni accecanti, ai nani, ai giganti, alle red rooms, agli oggetti tipicamente lynchiani (il caffé, la macchina per il caffé, le sigarette, le automobili e così via), ai morbidi corpi e ai (molti) nomi di donna: Betty/Diane, Rita/Camilla”.

    ciao

  6. Volevo augurarti un buon fine 2006… e ovviamente un ottimo 2007! Sul mio blog troverai la mia preghiera di natale… (solo aperture tematiche)
    Un abbraccio, e anche se non ci sono QUI… non ti scordo …
    TerribileStella

  7. son tornata… ^_^
    sulla seconda e la terza ci sto…invece per la quinta potrei starci solo che già ho promesso ad un altra persona di andarci…. 😛
    come sono andate le feste?
    che fai per capodanno?
    un bacio

  8. in biblioteca si possono usare i computer?
    ho già visto prestige
    persone lontane…destino crudele
    bologna…anche no
    l’umanità intera ha vissuto periodi di migliori di questi anche senza i blog, quindi si può dire che tutti i post sono inutili. certo qualcuno più di altri

  9. Allora:
    1 – spiegherotti davanti al film, che è meglio 😀
    2 – eh, purtroppo non posso più -__-‘
    3 – questo volentieri, ci volevo già passar per Capodanno, e invece salta
    4 – perché sennò sarebbero più vicine, e non ti porresti la questione
    5 – no, mi perplime un po’, come film
    6 – eh?

  10. la lontananza, sai, è come il vento. faccio un vento e ti cambio il clima, temporeggio bevendo spuma. buon futuro anno nuovo, sempre ammesso che arrivi, perchè in fondo non è detto.

    poi quando torno a roma se vuoi andiamo a vedere the prestiggio. se non vuoi no.

    specchio, specchio delle mie brame, dimmi: perchè sei specchio, e non semplicemente speck, o spicchio?

    (sono contento ti piaccia, il cd.)

  11. il mio commento sull’argomento non esiste perchè non so niente al riguerdo ma posso consigliarti un bel film: gas!!!! fammi sapere occhio che è molto forte….

    un buon 2007 è l’augurio che tutti fanno io dico solo:
    HO IL TERRORE DEL 2007 QUALCOSA MI DICE CHE NON SARA’ BUONO E ALLORA VIENIIIIIIIII NON ABBIAMO PAURAAAAAAAAAAAA

  12. 1- Lynch non va capito, ma assorbito.
    2- I tempi delle biblioteche per me stanno finendo
    3- Bella Bologna
    4- Un classico
    5- Buona fortuna
    6- E’ statisticamente provato che ogni tanto escono post stronzi e inutili.

    Buona anno 🙂

  13. Vediamo un po che si puo’ fare!

    – Chi mi spiega Mulholland Drive?
    …è come donny Darko…sei te che devi capire quello che vuoi capire!
    – Chi vuole venire con me a studiare in biblioteca dal 2 in poi?
    …. in qualche modo lo faccio..lavoro quindi sarò accanto a te!

    – Ho voglia di andare a Bologna, chi viene con me?
    …no..questo proprio non posso!
    – Perchè le persone che mi piacciono sono sempre lontane?
    …io direi che l erba del vicino è sempre più verde. Parla uno che ha solo storie a distanza..pero’ è altresi vero che non bisogna andare tanto distante per trovare le cose e o persone belle!
    – Chi mi accompagna a vedere The Prestige?
    ….qui lo farei..ma siamo appunto troppo distanti..a volte 70 km sono fin troppi!
    – Perchè devo scrivere dei post così stronzi e inutili?
    …forse…perchè un po stronza lo sei!..che dici te?

    sturzio

  14. anno nuovo splinder nuovo….

    – io vengo in biblio ci troviamo in corso corsica?

    – Prestige…mi dicono esser molto carino…..

    Astro
    P.s. a luglio verrò a roma a veder i Genesis….

  15. suoneranno per il concerto Telecom (coiiii nostriii soldiiiiii) davanti al Colosseo il 14 luglio con collins e gli altri due ma senza gabriel….vabbè io sono un gran fans di Collins batterista…..un fiorino

  16. io me lo ricordo ne “i passi dell’amore” filmino del cavolo in cui: lui strafigo, lei sfigata, si innamorano e poi lei muore.

    Tutto il resto è qui

    buona giornata!!

  17. Ho visto Mulholland Drive 6 anni fa. Ho fatto un post simile in un archeoblog chiedendo se qualcuno riusciva a spiegarmelo. Specie quando vanno in quel posto panoramico e buttano di sotto il cadavere…
    Nessuno mi ha risposto.

    Le biblioteche non sono le discoteche e non è pericolosissimo andarci anche da soli. Non vi sono alla data attuale fenomeni di libri che hanno assalito ignari lettori…

    Bologna, si può fare.
    E quando dico si può fare, si può fare: la prossima volta che sali in macchina guarda bene, c’è una cartina di bologna coi ristoranti migliori…scritti a mano su indicazioni bolognesi

    Le persone che ti piacciono sono lontane perchè l’affetto si calcola moltiplicandola voglia di rivedere una persona per il bene che le vuoi. Ma la voglia di rivederla è variabile dipendente della lontananza, chè più è lontano chi ami e più lo vuoi rivedere….

    The Prestige, no. Il cinema è morto. Io colleziono spore, muffe e funghi.
    Fai come me, invece di andare al cinema che prendi freddo!!!

    E questo post non è stato inutile: ti ha fatto capire quanto si può stare fuori il 2 gennaio…

    Un Abbraccione Pagliaccetto!!

  18. tanti auguri di buon anno…scusa per il ritardo ma aggiustato il pc solo ieri…cmq non sei l’unica che inizia a studiare il 2…io dovrei gia essere in biblioteca…poi per svogliatezza oggi mi sono svegliato alle 10 e ho appena finito di fare colazione…ho deciso che oggi non faccio niente…

  19. Ho visto The Prestige, non è male. E’ tutto giocato sulla trama, contorta e da seguire con attenzione. E soprattutto va visto senza averne letto nulla prima, potrebbe bastare anche solo una parola a guastare la sorpresa. Mi è piaciuto, a parte un eccesso che mi ha ricordato l’intervento pratico degli spiriti in Shining, quando Jack Nicholson viene liberato dalla ghiacciaia, scelta a mio parere assolutamente fuori luogo. Non mi è dispiaciuto per niente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...